Superstock 600: le novità regolamentari della stagione 2015

16 febbraio 2015 

Pubblicato in Superstock, World Superbikes


L’undicesima stagione di attività del FIM Europe Superstock 600 European Championship, presenta diverse novità per quanto concerne il regolamento tecnico studiate da FIM Europe e dal promoter DWO (acronimo di Dorna WSBK Organization), volte ad un ulteriore contenimento dei costi in particolare per quanto concerne il ‘pacchetto elettronica’. A partire da questa stagione è stato infatti previsto per la centralina/ECU (engine control system) un ‘Superstock Kit’ il cui costo non dovrà superare i 3.000 euro (tasse escluse).

Per ottenere l’omologazione di ciascun ‘Superstock kit’, il Direttore Tecnico FIM Europe dovrà visionare questo Kit entro le tre settimane precedenti l’inizio del campionato. Nel corso di un weekend di gara inoltre il Direttore Tecnico ha facoltà di richiedere ad una squadra la sostituzione di questo Kit con un altro ricevuto dallo stesso produttore. Riviste inoltre alcune normative di preparazione dei propulsori. Il pignone dell’albero motore potrà esser modificato/sostituito per regolare la fasatura delle camme, sebbene la tensione/camma dovrà tuttavia restare la medesima come omologata sul modello di serie. Il carter del motore e cambio dovrà conservare le peculiarità del modello di serie. Nessuna modifica è consentita, permesso tuttavia sostituire/alterare/modificare le protezioni laterali: se alterato o modificato, il coperchio dovrà mantenere la stessa resistenza agli urti come quella originale.

Se sostituito, il coperchio dovrà essere realizzato in materiale dal peso specifico uguale o maggiore ed il peso totale del coperchio non deve essere inferiore a quello originale. Tutte le coperture laterali del carter motore che potrebbero esser in contatto con l’asfalto in caso di caduta dovranno esser protette con un secondo coperchio in alluminio, acciaio inox, acciaio o titanio, ma non in materiali compositi e dovranno coprire almeno 1/3 della copertura originale, senza presentare bordi taglienti. Queste coperture dovranno inoltre esser fissate rispettando standard di sicurezza con l’adozione di minimo tre viti.

Per quanto concerne la frizione (a secco o a bagno d’olio), dovrà presentare le stesse caratteristiche del modello di serie. I dischi-frizione e molle potranno subire modifiche, non il cestello. Il gruppo frizione originale può essere modificato o sostituito da una frizione aftermarket (frizione antisaltellamento compresa), tuttavia rientrare nella lista di parti/componenti omologate da FIM e Dorna WSBK il cui limite di prezzo non dovrà superare i 700 € (tasse escluse).

Superstock 600: gli attesi protagonisti dell’Europeo 2015

9 febbraio 2015 

Pubblicato in Superstock, World Superbikes


Celebrando il decimo anniversario dalla fondazione della categoria, l’Europeo Superstock 600 per la stagione 2015 presenta una vasta schiera di potenziali pretendenti al titolo continentale targato FIM Europe di cui, secondo consuetudine e tradizione della serie under-24, la maggior parte italiani. Promosso al Mondiale Supersport il Campione in carica Marco Faccani, il San Carlo Team Italia della Federazione Motociclistica Italiana ha rinnovato la fiducia ad Andrea Tucci (positivo 3° all’esordio lo scorso anno dopo essersi laureato Campione italiano nel 2013) affiancandogli Michael Ruben Rinaldi, artefice di un promettente debutto tra le Stock 600 nella passata stagione.

Parallelamente ai due piloti del Team Italia, il Puccetti Racing preparerà una terza Kawasaki Ninja ZX-6R per il talentuoso pilota turco Toprak Razgatlioglu, pupillo di Kenan Sofuoglu, rivelazione della Red Bull MotoGP Rookies Cup con già una discreta esperienza tra le 600cc 4 tempi e vincitore, all’esordio nell’Europeo, dell’ultimo round 2014 a Magny-Cours in qualità di wild card. Tra i pretendenti al titolo non si può escludere il Campione CIV Supersport in carica e tra i talenti emergenti del motociclismo tricolore, quel Federico Caricasulo (prossimo ai 19 anni) in evidenza lo scorso anno, riconfermato dal Team Evan Bros che quest’anno vestirà i colori del Pata Junior Team schierando una seconda CBR 600RR per il vincitore della European Junior Cup, Augusto Fernandez.

Con una buona esperienza nella categoria, al ritorno in sella ad una Yamaha R6 Gauthier Duwelz con MVR Racing darà l’assalto al titolo affiancato da Jake Lewis, mentre il Team Go Eleven affiderà due Ninja ZX-6R al riconfermato Ilya Mikhalchik (tra le note positive del 2014) e alla giovane motociclista tedesca Ricarda Neubauer. La pattuglia tricolore sarà inoltre difesa da Simone Mazzola (passato alle STK600 dopo aver lottato per il titolo italiano Moto3 lo scorso anno), dalla coppia del VFT Racing formata da Christopher Gobbi e Michael Canducci senza scordarci di Alessandro Zaccone, vincitore del Trofeo Honda CBR 600RR, in evidenza nelle gare d’esordio nell’ambito dell’Europeo guadagnandosi la riconferma dal Talmacsi Racing che potrebbe schierare un secondo pilota italiano.

Per l’Europeo Superstock 600, articolato nuovamente su 7 round, l’esordio stagionale è fissato per il 10-12 aprile prossimi al MotorLand Aragón di Alcañiz, eccezionalmente con due gare in programma.

Superstock 600: novità 2015, regolamenti, limite d’età

13 gennaio 2015 

Pubblicato in Superstock, World Superbikes


La stagione 2015 del FIM Europe Superstock 600 European Championship, l’undicesima consecutiva nella storia della categoria, presenta diverse novità per quanto concerne il regolamento tecnico e sportivo studiate da FIM Europe e dal promoter Dorna WSBK. Tra limite d’età dei concorrenti, calendario, elettronica, tutte queste principali novità dell’Europeo Superstock 600 sono qui di seguito riassunte nel dettaglio.

Regolamento sportivo

- Parallelamente alla Superstock 1000 FIM Cup, anche nella serie continentale STK600 è stato innalzato il limite d’età dei piloti da 22 a 24 anni. Al via della stagiione 2015 potranno pertanto prender correre i piloti di massimo 24 anni (facendo riferimento alla data dell’ultimo round) e di almeno 15 anni compiuti.

- Per il 2015 è stato rivisto il calendario con la conferma dei 7 appuntamenti già in agenda in questa stagione, ma con una novità: una ‘doppia’ gara al MotorLand Aragón di Alcañiz, teatro del primo appuntamento stagionale nel weekend del 12 aprile.

12/04: MotorLand Aragón (Spagna) 2 gare
19/04: Assen (Olanda)
10/05: Imola (Italia)
07/06: Portimão (Portogallo)
21/06: Misano Adriatico (Italia)
20/09: Jerez (Spagna)
04/10: Magny-Cours (Francia)

Regolamento tecnico

- A partire da questa stagione in termini di elettronica FIM Europe e Dorna WSBK hanno previsto per la centralina/ECU (engine control system) un ‘Superstock Kit’ il cui costo non dovrà superare i 3.000 euro (tasse escluse). Per ottenere l’omologazione di ciascun ‘Superstock kit’, il Direttore Tecnico FIM Europe dovrà visionare questo Kit entro le tre settimane precedenti l’inizio del campionato. Nel corso di un weekend di gara inoltre il Direttore Tecnico ha facoltà di richiedere ad una squadra la sostituzione di questo Kit con un altro ricevuto dallo stesso produttore.

- Il pignone dell’albero motore potrà esser modificato/sostituito per regolare la fasatura delle camme. La tensione/camma dovrà tuttavia restare la medesima come omologata sul modello di serie.

- Il carter del motore e cambio dovrà conservare le peculiarità del modello di serie. Nessuna modifica è consentita, permesso tuttavia sostituire/alterare/modificare le protezioni laterali: se alterato o modificato, il coperchio dovrà mantenere la stessa resistenza agli urti come quella originale. Se sostituito, il coperchio dovrà essere realizzato in materiale dal peso specifico uguale o maggiore ed il peso totale del coperchio non deve essere inferiore a quello originale. Tutte le coperture laterali del carter motore che potrebbero esser in contatto con l’asfalto in caso di caduta dovranno esser protette con un secondo coperchio in alluminio, acciaio inox, acciaio o titanio, ma non in materiali compositi e dovranno coprire almeno 1/3 della copertura originale, senza presentare bordi taglienti. Queste coperture dovranno inoltre esser fissate rispettando standard di sicurezza con l’adozione di minimo tre viti.

- La frizione (a secco o a bagno d’olio) dovrà presentare le stesse caratteristiche del modello di serie. I dischi-frizione e molle potranno subire modifiche, non il cestello. Il gruppo frizione originale può essere modificato o sostituito da una frizione aftermarket (frizione antisaltellamento compresa), tuttavia rientrare nella lista di parti/componenti omologate da FIM e Dorna WSBK il cui limite di prezzo non dovrà superare i 700 € (tasse escluse).

- Gli unici liquidi di raffreddamento consentiti per il radiatore sono acqua o acqua con alcol etilico.

- I dischi freno potranno essere sostituiti da dischi aftermarket, a patto che presentino lo stesso materiale del disco omologato ed i diametri (interni ed esterni) non siano più grandi del modello originale. Potrà esser aumentato lo spessore, mentre non saranno consentite modifiche per il fissaggio.

Superstock 600: l’Italia a caccia della 40esima vittoria

1 gennaio 2015 

Pubblicato in Superstock, World Superbikes


Archiviata una trionfale stagione 2014 per il motociclismo tricolore grazie al trionfo di Marco Faccani e del San Carlo Team Italia FMI, per i giovani talenti italiani attesi al via dell’Europeo Superstock 600 2015 c’è un traguardo importante da raggiungere: la 40esima vittoria tricolore nella categoria.

Dal 2005, anno d’esordio della serie, al 2014 sono state infatti 39 le vittorie conseguite dai nostri portabandiera nella categoria sotto egidia FIM Europe. Artefici di questi successi sono stati (in rigoroso ordine cronologico) Claudio Corti (5 vittorie e titolo 2005), Niccolò Canepa (3 successi), Davide Giugliano (2), Michele Magnoni (2), Andrea Antonelli (1), Domenico Colucci (1), Marco Bussolotti (3), Danilo Petrucci (3), Eddi La Marra (1), Giuliano Gregorini (1), Dino Lombardi (1), Riccardo Russo (4), Nicola Morrentino (1), Franco Morbidelli (2 e titolo 2013), Alessandro Nocco (3), Christian Gamarino (1) e Marco Faccani (5 vittorie e corona europea 2014).

Con 39 successi l’Italia è di gran lunga la nazione a vantare il maggior numero di affermazioni nell’Europeo Superstock 600 lasciando ferma la Francia a quota 23, seppur con tre titoli a testa: per l’Italia in trionfo Claudio Corti (2005), Franco Morbidelli (2013) e Marco Faccani (2014), per la Francia Maxime Berger (2007), Loris Baz (2008) e Jeremy Guarnoni (2010).

Le vittorie dei piloti italiani nell’Europeo Superstock 600

1- Monza 2005: Claudio Corti

2- Silverstone 2005: Claudio Corti

3- Misano 2005: Claudio Corti

4- Brands Hatch 2005: Claudio Corti

5- Assen 2005: Claudio Corti

6- Silverstone 2006: Niccolò Canepa

7- Misano 2006: Davide Giugliano

8- Assen 2006: Niccolò Canepa

9- Lausitzring 2006: Niccolò Canepa

10- Imola 2006: Davide Giugliano

11- Donington 2007: Michele Magnoni

12- Assen 2007: Andrea Antonelli

13- Monza 2007: Michele Magnoni

14- Brno 2007: Domenico Colucci

15- Donington 2008: Marco Bussolotti

16- Valencia 2009: Danilo Petrucci

17- Monza 2009: Danilo Petrucci

18- Misano 2009: Danilo Petrucci

19- Donington 2009: Marco Bussolotti

20- Imola 2009: Eddi La Marra

21- Portimao 2009: Marco Bussolotti

22- Misano 2011: Giuliano Gregorini

23- Brno 2011: Dino Lombardi

24- Imola 2012: Riccardo Russo

25- Monza 2012: Riccardo Russo

26- Aragon 2012: Riccardo Russo

27- Silverstone 2012: Riccardo Russo

28- Monza 2013: Nicola Morrentino

29- Portimao 2013: Franco Morbidelli

30- Imola 2013: Alessandro Nocco

31- Silverstone 2013 Gara 1: Alessandro Nocco

32- Silverstone 2013 Gara 2: Christian Gamarino

33- Nurburgring 2013: Franco Morbidelli

34- Magny Cours 2013: Alessandro Nocco

35- Aragon 2014: Marco Faccani

36- Imola 2014: Marco Faccani

37- Misano 2014: Marco Faccani

38- Portimao 2014: Marco Faccani

39- Jerez 2014: Marco Faccani

Superstock 600: limite d’età a 24 anni e calendario 2015

24 novembre 2014 

Pubblicato in Superstock, World Superbikes


Archiviata la stagione 2014 con il successo di Marco Faccani e del San Carlo Team Italia della Federazione Motociclistica Italiana, per l’Europeo Superstock 600 targato FIM Europe sono già iniziati i preparativi per un 2015 all’insegna di diverse novità.

Parallelamente alla Superstock 1000 FIM Cup, anche nella serie continentale STK600 è stato innalzato il limite d’età dei concorrenti da 22 a 24 anni. Nel 2015 potranno pertanto prender correre i piloti di massimo 24 anni (facendo riferimento alla data dell’ultimo round) e di almeno 15 anni compiuti.

Oltre al limite d’età, per il 2015 è stato rivisto il calendario con la conferma dei 7 appuntamenti già in agenda in questa stagione, ma con una novità: una ‘doppia’ gara al MotorLand Aragón di Alcañiz, teatro del primo appuntamento stagionale nel weekend del 12 aprile.

FIM Europe Superstock 600 European Championship 2015
Il Calendario

12/04: MotorLand Aragón (Spagna) 2 gare
19/04: Assen (Olanda)
10/05: Imola (Italia)
07/06: Portimão (Portogallo)
21/06: Misano Adriatico (Italia)
20/09: Jerez (Spagna)
04/10: Magny-Cours (Francia)

Superstock 600 Jerez Gara: Marco Faccani Campione 2014

6 settembre 2014 

Pubblicato in Superstock, World Superbikes


Con una gara di anticipo, la trionfale stagione 2014 per Marco Faccani nell’Europeo Superstock 600 targato FIM Europe si è conclusa con la vittoria del Titolo continentale. Autore della pole position, con la vittoria nell’odierna gara disputatasi a Jerez de la Frontera, il 20enne pilota di Ravenna è il nuovo Campione Europeo Superstock 600, il terzo italiano a centrare questo traguardo nella categoria under24 dopo Claudio Corti, in trionfo nell’inaugurale stagione 2005, e Franco Morbidelli, dominatore lo scorso anno. Dopo le ottime prestazione offerte nel CIV Supersport, un successo meritato per il romagnolo, ottenuto grazie ad un rendimento di altissimo livello con ben 5 vittorie (Aragon, Imola, Misano, Portimao e Jerez) ed un 10 posto nell’insidiosa gara di Assen.

Un dominio da rimarcare per Faccani, velocissimo con la Kawasaki Ninja ZX-6R preparta dal Puccetti Racing ed iscritta sotto le insegne del San Carlo Team Italia che concretizza una sensazionale doppietta bissando il trionfo dello scorso anno del romano di nascita ma pesarese di adozione Franco Morbidelli.

Lo storico 1-2 del Team Italia non mette in ombra l’ottimo risultato di gara ottenuto da Federico Caricasulo, splendido secondo sulla Honda dell’Evan Bros e per due terzi di gara nella scia del neo-Campione europeo. Sfugge ai piloti azzurri un podio tutto italiano: battuto in volata dal belga Gauthier Duwelz, per l’occasione sulla R6 del MVR Racing, un bravissimo Andrea Tucci chiude 4º sulla seconda Kawasaki del Puccetti Racing.

Ottimo 6º chiude Michael Ruben Rinaldi (G.A.S. Racing Team) mentre termina nella top10 anche Riccardo Caruso (Bike Service Racing Team). Kevin Manfredi (Racedays Honda), 13°, e Vincenzo Lagonigro (Team Trasimeno), 15º, raccolgono punti in Campionato mentre l’esordiente Filippo Scalbi (Team Go Eleven) ottiene un positivo 17º posto. Sfortunata gara degli altri italiani: Alessandro Zaccone (Talmacsi Racing) è solo 20º, Paolo Giacomini (VFT Racing) 23º e Giuseppe De Gruttola (Team 10 Lap Racing) 26º. Fuori per noie tecniche Luca Salvadori mentre sono caduti Christopher Gobbi e Stafano Casalotti sulle Yamaha del VFT Racing.

FIM Europe Superstock 600 European Championship 2014
Circuito de Jerez, Classifica Gara

01- Marco Faccani – San Carlo Team Italia – Kawasaki ZX-6R – 13 giri in 23’30.082
02- Federico Caricasulo – Evan Bros Racing Team – Honda CBR 600RR – + 2.562
03- Gauthier Duwelz – MVR Racing – Yamaha YZF R6 – + 7.563
04- Andrea Tucci – San Carlo Team Italia – Kawasaki ZX-6R – + 8.055
05- Wayne Tessels – Wayne Racing Team – Suzuki GSX-R 600 – + 11.840
06- Michael Ruben Rinaldi – G.A.S. Racing Team – Yamaha YZF R6 – + 15.510
07- Richard Bodis – Talmacsi Racing – Honda CBR 600RR – + 19.187
08- Ilya Mikhalchik – Team Go Eleven – Kawasaki ZX-6R – + 19.322
09- Riccardo Caruso – Bike Service Racing Team – Kawasaki ZX-6R – + 19.946
10- Timothy Baken – MVR Racing – Yamaha YZF R6 – + 20.396
11- Mathieu Marchal – Mouss Racing Team – Yamaha YZF R6 – + 22.518
12- Chrissy Rouse – Racedays Honda – Honda CBR 600RR – + 23.544
13- Kevin Manfredi – Agro-On Wil Racedays – Honda CBR 600RR – + 29.452
14- Eemeli Lahti – Kallio Racing – Yamaha YZF R6 – + 33.537
15- Vincenzo Lagonigro – Team Trasimeno – Yamaha YZF R6 – + 35.303
16- Jake Lewis – Agro-On Wil Racedays – Honda CBR 600RR – + 38.763
17- Filippo Scalbi – Team Go Eleven – Kawasaki ZX-6R – + 40.907
18- Valter Patronen – Kallio Racing – Yamaha YZF R6 – + 41.489
19- Pedro Rodriguez – Berclaz Racing Team – Kawasaki ZX-6R – + 41.572
20- Alessandro Zaccone – Talmacsi Racing – Honda CBR 600RR – + 43.674
21- Christopher Gobbi – VFT Racing – Yamaha YZF R6 – + 46.816
22- Adrien Pittet – Swisscare Racing – Yamaha YZF R6 – + 52.030
23- Paolo Giacomini – VFT Racing – Yamaha YZF R6 – + 52.126
24- Rodolfo Oliva – Team Motoxracing – Yamaha YZF R6 – + 1’00.157
25- Koen Zeelen – MTM Racing Team – Kawasaki ZX-6R – + 1’02.068
26- Giuseppe De Gruttola – Team 10 Lap Racing – Kawasaki ZX-6R – a 1 giro

Christian Tarragoni

Superstock 600 Jerez Qualifiche: quarta pole di Faccani

6 settembre 2014 

Pubblicato in Superstock, World Superbikes

Marco Faccani in pole a Jerez
In una giornata che potrebbe incoronarlo Campione Europeo di categoria, a Jerez de la Frontera Marco Faccani mette nuovamente in mostra tutto il suo talento. Risparmiati due treni di gomme utili per l’assalto al ‘time attack’ nell’unico turno di qualifiche ufficiali in programma, il ravennate del San Carlo Team Italia con la Kawasaki Ninja ZX-6R #5 preparata dal Puccetti Racing in 1’46″649 ha ritoccato il primato 2013 del Campione in carica (e suo predecessore al Team Italia) Franco Morbidelli in 1’47″049 assicurandosi la quarta pole position stagionale in sei round dopo i precedenti exploit di Aragon, Imola e Misano Adriatico. L’ennesima prestazione capolavoro di ‘Facco’, atteso protagonista di una gara dove, vantando 34 punti di vantaggio su Wayne Tessels (qualificatosi 5°), potrà assicurarsi con un round d’anticipo il prestigioso titolo continentale Superstock 600 e la quinta affermazione stagionale.

L’alfiere della Federazione Motociclistica Italiana parte pertanto con i favori del pronostico stando almeno al distacco rifilato ai suoi più diretti inseguitori: 0″541 a scapito di Gauthier Duwelz (tornato in sella ad una Yamaha, nello specifico la R6 del MVR Racing), 8/10 sul proprio compagno di squadra e Campione CIV Superstock 600 in carica Andrea Tucci, miglioratosi di 2″ rispetto a ieri guadagnando con pieno merito e titolo un posto in prima fila. Sfuma questo traguardo per una manciata di millesimi (6) al capoclassifica del CIV Supersport Federico Caricasulo, quarto in griglia con la Honda Evan Bros e davanti a Wayne Tessels e Alessandro Zaccone, sesto ed in costante ascesa in questa sua prima esperienza internazionale nell’Europeo con la compagine di Gabor Talmacsi.

Dopo un gran venerdì, Luca Salvadori con una scivolata figura invece in decima posizione preceduto anche dall’ex capoclassifica di campionato Niki Tuuli (8°) e dal compagno di squadra al Team 10 Lap Racing Giuseppe De Gruttola (9°), a seguire Riccardo Caruso (Bike Service Racing Team) è 11°, Christopher Gobbi (VFT Racing) 12°, Michael Ruben Rinaldi (G.A.S. Racing Team) 13°, con il 15° tempo Stefano Casalotti (VFT Racing), scatterà 24° Kevin Manfredi (Racedays Honda), 26° Vincenzo Lagonigro (Team Trasimeno) con l’esordiente Filippo Scalbi (Team Go Eleven) 27° e Rodolfo Oliva (Team Motoxracing) 29° davanti a Paolo Giacomini, 31° con la terza R6 del VFT Racing.

FIM Europe Superstock 600 European Championship 2014
Circuito de Jerez, Classifica Qualifiche

01- Marco Faccani – San Carlo Team Italia – Kawasaki ZX-6R – 1’46.649
02- Gauthier Duwelz – MVR Racing – Yamaha YZF R6 – + 0.541
03- Andrea Tucci – San Carlo Team Italia – Kawasaki ZX-6R – + 0.879
04- Federico Caricasulo – Evan Bros Racing Team – Honda CBR 600RR – + 0.885
05- Wayne Tessels – Wayne Racing Team – Suzuki GSX-R 600 – + 0.911
06- Alessandro Zaccone – Talmacsi Racing – Honda CBR 600RR – + 0.924
07- Ilya Mikhalchik – Team Go Eleven – Kawasaki ZX-6R – + 1.038
08- Niki Tuuli – Kallio Racing – Yamaha YZF R6 – + 1.052
09- Giuseppe De Gruttola – Team 10 Lap Racing – Kawasaki ZX-6R – + 1.257
10- Luca Salvadori – Team 10 Lap Racing – Kawasaki ZX-6R – + 1.347
11- Riccardo Caruso – Bike Service Racing Team – Kawasaki ZX-6R – + 1.399
12- Christopher Gobbi – VFT Racing – Yamaha YZF R6 – + 1.647
13- Michael Ruben Rinaldi – G.A.S. Racing Team – Yamaha YZF R6 – + 1.653
14- Timothy Baken – MVR Racing – Yamaha YZF R6 – + 1.655
15- Stefano Casalotti – VFT Racing – Yamaha YZF R6 – + 1.669
16- Julian Puffe – MTM Racing Team – Kawasaki ZX-6R – + 1.698
17- Guillaume Raymond – Team Garnier by ASPI – Yamaha YZF R6 – + 1.852
18- Mathieu Marchal – Mouss Racing Team – Yamaha YZF R6 – + 1.877
19- Eemeli Lahti – Kallio Racing – Yamaha YZF R6 – + 1.954
20- Richard Bodis – Talmacsi Racing – Honda CBR 600RR – + 1.992
21- Jake Lewis – Agro-On Wil Racedays – Honda CBR 600RR – + 2.183
22- Chrissy Rouse – Racedays Honda – Honda CBR 600RR – + 2.449
23- Valter Patronen – Kallio Racing – Yamaha YZF R6 – + 2.500
24- Kevin Manfredi – Agro-On Wil Racedays – Honda CBR 600RR – + 2.545
25- Pedro Rodriguez – Berclaz Racing Team – Kawasaki ZX-6R – + 2.637
26- Vincenzo Lagonigro – Team Trasimeno – Yamaha YZF R6 – + 2.822
27- Filippo Scalbi – Team Go Eleven – Kawasaki ZX-6R – + 2.846
28- Adrien Pittet – Swisscare Racing – Yamaha YZF R6 – + 3.126
29- Rodolfo Oliva – Team Motoxracing – Yamaha YZF R6 – + 4.797
30- Koen Zeelen – MTM Racing Team – Kawasaki ZX-6R – + 4.856
31- Paolo Giacomini – VFT Racing – Yamaha YZF R6 – + 4.914

Superstock 600 Jerez Prove 1: Faccani subito al comando

5 settembre 2014 

Pubblicato in Superstock, World Superbikes

Faccani leader a Jerez
Trascorsi due mesi esatti dall’ultimo round disputatosi all’Autódromo Internacional do Algarve di Portimão, i giovani talenti under-24 dell’Europeo Superstock 600 sono tornati in pista al Circuito di Jerez de la Frontera per l’inaugurale sessione di prove libere del penultimo appuntamento stagionale che non ha per nulla rivoluzionato i valori in campo della serie continentale. Capoclassifica di campionato, forte di 34 punti di vantaggio sul suo più diretto inseguitore pronto a giocarsi domani il primo ‘match point’ per la conquista del titolo, Marco Faccani con la Kawasaki Ninja ZX-6R #5 preparata dal Puccetti Racing ed iscritta con i colori del San Carlo Team Italia della Federazione Motociclistica Italiana allo scadere ha fermato i cronometri sull’1’47″454 lasciando a 3/10 Luca Salvadori, secondo con la Kawasaki del Team 10 Lap Racing a precedere un positivo Christopher Gobbi, terzo con la Yamaha R6 del VFT Racing.

Il forte pilota ravennate inizia bene il weekend lasciando soprattutto a quasi 8/10 Wayne Tessels, secondo in campionato, quarto in questa sessione a precedere di un soffio il belga Gauthier Duwelz, passato al MVR Racing al fine di risalire in sella ad una Yamaha R6 più congeniale al suo stile di guida. Si confermano ad alti livelli nell’Europeo due giovani prodotti del motociclismo italiano come Alessandro Zaccone (6° con la Honda del team di Gabor Talmacsi) ed il capoclassifica del CIV Supersport Federrico Caricasulo, 7° con la Honda Evan Bros in una top-10 che presenta anche Giuseppe De Gruttola, buon 9° con la seconda Kawasaki del Team 10 Lap Racing a precedere Vincenzo Lagonigro (10°) e Stefano Casalotti (11°).

Fuori dai primi 10 un contendente al titolo del calibro di Niki Tuuli (addirittura 18°), chiude con il 13° crono l’altro alfiere del Team Italia Andrea Tucci, a seguire Michael Ruben Rinaldi è 15°, Riccardo Caruso 22°, Paolo Giacomini 23°, all’esordio Filippo Scalbi (trascorsi nella Red Bull MotoGP Rookies Cup) 29° precede Rodolfo Oliva e Kevin Manfredi, suo malgrado incappato in una scivolata al primo giro di pista. Nel pomeriggio, a partire dalle 16:30, la seconda sessione di prove libere.

FIM Europe Superstock 600 European Championship 2014
Circuito de Jerez, Classifica Prove Libere 1

01- Marco Faccani – San Carlo Team Italia – Kawasaki ZX-6R – 1’47.454
02- Luca Salvadori – Team 10 Lap Racing – Kawasaki ZX-6R – + 0.322
03- Christopher Gobbi – VFT Racing – Yamaha YZF R6 – + 0.789
04- Wayne Tessels – Wayne Racing Team – Suzuki GSX-R 600 – + 0.795
05- Gauthier Duwelz – MVR Racing – Yamaha YZF R6 – + 0.868
06- Alessandro Zaccone – Talmacsi Racing – Honda CBR 600RR – + 0.919
07- Federico Caricasulo – Evan Bros Racing Team – Honda CBR 600RR – + 1.114
08- Richard Bodis – Talmacsi Racing – Honda CBR 600RR – + 1.140
09- Giuseppe De Gruttola – Team 10 Lap Racing – Kawasaki ZX-6R – + 1.251
10- Vincenzo Lagonigro – Team Trasimeno – Yamaha YZF R6 – + 1.288
11- Stefano Casalotti – VFT Racing – Yamaha YZF R6 – + 1.446
12- Julian Puffe – MTM Racing Team – Kawasaki ZX-6R – + 1.540
13- Andrea Tucci – San Carlo Team Italia – Kawasaki ZX-6R – + 1.631
14- Chrissy Rouse – Racedays Honda – Honda CBR 600RR – + 1.789
15- Michael Ruben Rinaldi – G.A.S. Racing Team – Yamaha YZF R6 – + 1.798
16- Timothy Baken – MVR Racing – Yamaha YZF R6 – + 1.825
17- Mathieu Marchal – Mouss Racing Team – Yamaha YZF R6 – + 1.887
18- Niki Tuuli – Kallio Racing – Yamaha YZF R6 – + 1.906
19- Jake Lewis – Agro-On Wil Racedays – Honda CBR 600RR – + 2.024
20- Ilya Mikhalchik – Team Go Eleven – Kawasaki ZX-6R – + 2.294
21- Eemeli Lahti – Kallio Racing – Yamaha YZF R6 – + 2.884
22- Riccardo Caruso – Bike Service Racing Team – Kawasaki ZX-6R – + 2.984
23- Paolo Giacomini – VFT Racing – Yamaha YZF R6 – + 3.133
24- Adrien Pittet – Swisscare Racing – Yamaha YZF R6 – + 3.274
25- Pedro Rodriguez – Berclaz Racing Team – Kawasaki ZX-6R – + 3.694
26- Guillaume Raymond – Team Garnier by ASPI – Yamaha YZF R6 – + 3.722
27- Koen Zeelen – MTM Racing Team – Kawasaki ZX-6R – + 3.953
28- Valter Patronen – Kallio Racing – Yamaha YZF R6 – + 3.971
29- Filippo Scalbi – Team Go Eleven – Kawasaki ZX-6R – + 4.611
30- Rodolfo Oliva – Team Motoxracing – Yamaha YZF R6 – + 5.742
31- Kevin Manfredi – Agro-On Wil Racedays – Honda CBR 600RR – + 6.232

Pagina Successiva »